Accade all'UE n.359 - Settimana dall'11 al 15 settembre 2017
L'editoriale

 

Settimana importante per l’Europa per la riapertura della sessione plenaria del Parlamento europeo e l’atteso discorso "sullo stato dell’Unione" che il presidente della Commissione Jean-Claude Junker pronuncerà mercoledì davanti agli eurodeputati.

Molti i temi di interesse delle imprese che saranno affrontati a Strasburgo in occasione della ripresa a pieno regime dei lavori.

In particolare gli occhi sono puntati su due “triloghi” - e cioè la riunione delle tre istituzioni, Consiglio, Parlamento e Commissione - estremamente delicati: quello sulla revisione della direttiva ETS e quello sulla nuova metodologia in materia di Anti-dumping più conosciuto come dossier MES Cina

In entrambi i casi, il Parlamento ha assunto decisioni in linea con l’esigenza di affrontare le due tematiche tenendo a mente la necessità di non sfavorire la competitività delle imprese europee sui mercati globali, adottando una  posizione diversa da quella del Consiglio Ue e della stessa Commissione.

Sull’ETS il confronto di questa settimana permetterà di meglio illustrare le rispettive posizioni ma difficilmente porterà ad un risultato definitivo; c’è più attesa invece sul MES Cina dove la Commissione vorrebbe chiudere un accordo a tutti i costi e il Parlamento far valere le sue ragioni, come annunciato nei giorni scorsi.

La partita è di grande rilievo perché riguarda il metodo di calcolo da applicare alle merci cinesi in caso di dumping e che oggi è particolarmente sensibile per una serie di settori ma che domani potrà interessare sempre maggiori prodotti, in funzione dello sviluppo dell’economia cinese.

Attesa anche per il discorso di Juncker, che sarà preceduto dall’adozione di due documenti significativi: il primo riguarda la politica industriale europea che la Commissione, finalmente, riconosce come centrale nell’ambito delle sue varie altre politiche in un documento di orientamento che permetterà di approfondire la discussione per farne perno di crescita e occupazione in Europa; l’altro documento riguarda la politica commerciale e le modalità con le quali l’Europa vorrà affrontare la questione dello shopping dei suoi assets strategici da parte di investitori esteri (ed in particolare dalla Cina). Si intende da un lato varare una “dottrina” che permetta in futuro di dividere in due gli accordi con i paesi terzi in funzione delle materie trattate per evitare il ripetersi dei casi limite in cui un parlamento regionale può bloccare interi accordi commerciali in nome della rilevanza nazionale di alcune disposizioni.

L’altra questione non meno importante pone i governi nazionali di fronte alla scelta di condividere, in un certo senso, la propria politica in merito agli investimenti è sarà interessante vedere le reazioni alla proposta Juncker.

Molti altri temi naturalmente figureranno nel discorso, dall’immigrazione al futuro dell’Europa, sia a livello istituzionale che del suo bilancio, nonché della interpretazione che si vorrà dare delle attuali regole su stabilità e crescita.

L’impressione che si ha è che i dirigenti europei sono consapevoli di avere di fronte poco più di un anno per ridare lustro al progetto europeo, a rischio di vedere alle prossime elezioni un’ulteriore crescita dei partiti euroscettici ed è su questo terreno che sanno di doversi misurare seriamente.

Gianfranco Dell'Alba

 

LA SETTIMANA EUROPEA

 

COMMISSIONE
13 settembre - Si terrà il discorso sullo Stato dell'Unione del Presidente Jean-Claude Juncker durante la Plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo - #SOTEU

Sempre il 13 settembre la Commissione dovrebbe presentare:

  • una comunicazione sulla "rinnovata strategia per la politica industriale europea";
  • un pacchetto - regolamento + comunicazione - sugli investimenti esteri;
  • la revisione della comunicazione sulla politica commerciale europea - Trade for all

#ASKJUNCKER - 14 settembre - Il Presidente Juncker parteciperà ad un dibattito live su youtube, che sarà trasmesso anche da euronews

 

CONSIGLIO
12 settembre - Commercio internazionale - Trilogo sulla nuova metodologia di calcolo del dumping (MES Cina).

13 settembre - Energia - Trilogo Emission Trading Scheme (ETS).

14 settembe - Consiglio Giustizia e Affari interni.

15 settembre - Eurogruppo - I ministri delle finanze della zona euro discuteranno a Tallin della situazione in Grecia e del concetto di resilienza economica nell'Unione economica e monetaria.

15/16 settembre - ECOFIN informale. Sempre a Tallin i ministri affronteranno diversi temi tra cui: Capital Market Union, tassazione d'impresa e tassazione digitale.

 

PARLAMENTO 
Come detto il Parlamento sarà in sessione Plenaria - ordine del giorno - durante la quale nella giornata di mercoledì si terrà il dibattito dei deputati in seguito allo Stato dell'Unione di Juncker.

In agenda anche altri appuntamenti importanti:

  • Martedì 12 - Voto sulle misure volte a garantire la sicurezza dell'approvvigionamento di gas;
  • Giovedì 14 - Capital Market Union - Voto sulla proposta di regolamento relativo ai fondi europei per il venture capital (EuVECA) e il regolamento relativo ai fondi europei per l'imprenditoria sociale (EuSEF);

Inoltre, sarà a Strasburgo (martedì 12) il Sottosegretario Sandro Gozi che incontrerà gli eurodeputati italiani per fare il punto sui vari dossier di interesse.

 

BANDI

Eu Prize for Women Innovators 2018
Pubblicato dalla DG Ricerca e Innovazione della Commissione europea il bando “Eu Prize for Women Innovators 2018”, nell’ambito del programma europeo Horizon 2020.

Il bando è dedicato alle donne imprenditrici, fondatrici o co-fondatrici di un’impresa, che hanno beneficiato (in prima persona o attraverso la loro impresa) di un finanziamento per ricerca e/o innovazione. La partecipazione è riservata alle donne nate dopo il 1° gennaio 1987.

La scadenza per la presentazione delle domande è fissata per il 15 novembre 2017.

Per ulteriori informazioni - EU Prize for Women Innovators - confindustria.eu

 

DOCUMENTI DI INTERESSE

Futuro dell'UE - Pubblicato da BusinessEurope - “The way forward: the business vision for the future of the European Union”   - documento sul futuro dell'UE.

WEB TAX - Dichirazione congiunta firmata da Italia, Spagna, Francia e Germania per un'iniziativa sulla tassazione digitale a livello europeo.

 

Condividi

Commenti

Nessun commento.

Aggiungi un nuovo commento

Login o Registrati per aggiungere un commento.