Accade all'UE n 343 - Settimana dal 10 al 14 aprile 2017
L'Editoriale

LA SETTIMANA EUROPEA

L’attacco missilistico deciso da Donald Trump in risposta all’utilizzo di armi chimiche da parte del regime di Assad ha comportato vari risultati collaterali. Innanzitutto, ha apparentemente compattato dietro il Presidente non solo l’anima repubblicana più tradizionalmente interventista, ma ha suscitato commenti positivi anche dal campo democratico; ha costretto Putin ad una reazione stizzita per aver mostrato che nonostante l’allenza di ferro che lo lega al governo siriano sono sempre gli americani a dominare, se lo vogliono, i cieli di quel Paese; e da ultimo ha mostrato in tutta la sua evidenza l’assenza dell’Europa dallo scacchiere medio-orientale. Questa della politica estera è una delle grandi incognite del post Brexit e in genere del futuro che si vorrà riservare l’Unione europea se non vuole divenire una “grande Svizzera” e assistere alla dialettica tra USA e Russia e all’emergere di potenze regionali come Turchia ed Iran senza disporre chiaramente di una sua agenda politica.

La questione non è di poco conto perché va di pari passo sia con la necessità di coordinare più efficacemente le politiche d’immigrazione e sempre di più di integrazione – basti vedere cosa è successo a Stoccolma e cioè nel Paese, sulla carta, dal modello di integrazione più sviluppato – ma anche con la volontà di attivare davvero il migration compact, il piano di aiuti straordinari ai Paesi africani al fine di tentare di arginare le ondate di migranti economici che ogni giorno continuano a sbarcare sulle nostre coste.

Il dibattito su tali tematiche è praticamente congelato in attesa dei risultati delle elezioni francesi e di quelle tedesche: ma i fatti di questi giorni lo pongono nuovamente alla ribalta perché è impensabile che alla sacrosanta dimensione economica, di sostenibilità della zona euro, di conciliazione fra stabilità e crescita, non si affianchi la riflessione di quale ruolo si intende far assumere all’Unione a livello globale.

Si diceva una volta, prima della riunificazione, che la Germania fosse un gigante economico ed un nano politico: è un rischio che l’Europa non può permettersi.

In questa direzione va l’interessante contributo di Esposito e Galli della Loggia per l’elezione diretta del Presidente della Commissione europea.

Gianfranco Dell'Alba

Qui i resoconti della settimana dal 3 al 7 aprile 2017.

 

Focus Europa

Si segnala in Commissione europea martedi 11 aprile un’audizione pubblica in tema di “Capital Market Union”. L'audizione, aperta dal vicepresidente Valdis Dombrovskis, farà il punto sullo stato di attuazione del piano d'azione sul mercato unico di capitali e discuterà le sfide e le priorità in vista della revisione intermedia. Verranno affrontate le seguenti  tematiche:

  • Promuovere l'accesso ai finanziamenti per le piccole e medie imprese;
  • Migliori opportunità di investimento per gli investitori retail e istituzionali;
  • Migliorare il funzionamento del mercato unico eliminando gli ostacoli al flusso transfrontaliero di capitali.

Per quanto riguarda il Parlamento europeo si riuniranno alcune commissioni parlamentari, per i dossier di maggiore interesse si rimanda ai punti qui sotto.

Dossier di interesse per l'industria 

La Commissione ENVI, che si riunirà il 10 e l’11 aprile:

  • Esaminerà il progetto di relazione sulla Comunicazione della Commissione al Parlamento Europeo, al Consiglio, al Comitato Economico e Sociale Europeo e al Comitato delle Regioni - Il futuro sostenibile dell'Europa: prossime tappe, L'azione europea a favore della sostenibilità;
  • Terrà uno scambio di opinioni con Hans Bruyninckx, direttore esecutivo dell'Agenzia europea dell'ambiente (AEA);
  • Approverà il progetto di relazione sull’Iniziativa sull'efficienza sotto il profilo delle risorse: ridurre lo spreco alimentare, migliorare la sicurezza alimentare.  

Eventi di interesse per l'industria 

  • Si segnala che il 28 aprile 2017 si terrà a Bruxelles il BBI JU 2017 Open Info Day & Brokerage Event. Durante l'evento, organizzato dalla BioBased Industries Public Private Partnership (BBI PPP), verranno presentati i nuovi bandi 2017 dell'iniziativa europea dedicata alle industrie bio-based. Nella pagina dedicata dell’evento è possibile accedere alla registrazione online (necessaria per la partecipazione) e al programma dell’info day. Per maggiori informazioni si consiglia di visitar la pagina BBI Europe.
  • In Commissione EMPL si terrà martedì un’audizione in tema di coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale.
  • In Commissione LIBE si terrà martedì un’audizione sulla riforma della e-privacy.

Condividi

Commenti

Nessun commento.

Aggiungi un nuovo commento

Login o Registrati per aggiungere un commento.